Di Francesco, le rovesciate, le notti: quando il Milan esonera gli allenatori

ALE

C’è sempre una rovesciata nelle giornate degli esoneri a tinte rossoneri. Quella del 1° dicembre 1996 forse è anche più bella di quella di Florenzi. È tutto incredibile: segna Di Francesco, il Piacenza batte il Milan 2-0 a fine prime tempo. Poi il Diavolo si rialza arriva al 2-2, ma Luiso con una “cilena” da antologia fa esplodere il Garilli e va a ballare la Macarena sotto la tribuna. Risultato? Il Maestro confermato in diretta, viene esonerato di notte. Berlusconi chiama Sacchi, ct dell’Italia, che si dimette e torna a Milanello.

Read More

Da Grosso a Del Grosso, 10 anni di mercato invernale rosanero

grossoALE

“Ma veramente vai a Palermo? Sei pazzo?”. Così gli amici di Fabio Grosso accompagnarono il giocatore all’aeroporto. No, l’ex terzino tutto turbo e grinta non era un pazzo. Aveva 26 anni, lasciò la Serie A e il giardino di casa, a Perugia, rinunciando all’Europeo con Trapattoni. Lui, non ancora uomo mondiale, rilanciò (“Palermo, ti farò sognare”). Scese in B coi rosanero e smentì tutti: 3 stagioni in viale del Fante, una Coppa del Mondo da protagonista e il triplo salto verso Inter, Lione e Juve. Niente male per uno partito dal Renato Curi (la squadra, non lo stadio). Roba di 10 anni fa. Maurizio Zamparini spende e Rino Foschi prende. C’era da pianificare la volata per la A, e costruire le fondamenta per un futuro tranquillo. Come è andata poi lo sappiamo tutti. In quella sessione arrivarono anche Biava e i gemelli Filippini. Morale: difesa blindata, centrocampo motorizzato, promozione in carrozza.

Read More